Sagrantino Montefalco Campo alla Cerqua

Montefalco Sagrantino Campo alla Cerqua 2016, Tabarrini

Il Sagrantino di Montefalco ha fama di vino dalla grande potenza tannica: il Campo alla Cerqua di Tabarrini è molto di più.

I suoi primi passi nell’azienda della frazione Turrita a Montelfalco risalgono al 1996, ma «in realtà – dice Giampaolo Tabarrinii pensieri sono iniziati a gennaio del 2001», appena dopo essere divenuto proprietario a tutti gli effetti delle vigne di famiglia.

Ne ha fatta di strada da allora Giampaolo: molto è cambiato (la nuova e più funzionale cantina, per esempio), non la voglia di guardare al passato per migliorare il proprio lavoro, rielaborando e attualizzando le buone pratiche di vigna e di cantina.

Restano sempre validi gli insegnamenti del nonno che Giampaolo ha ricordato anche durante l’intervista realizzata per Slow Wine 2021: «per fare vino buono ci sono solo 3 regole: la prima è la pulizia, la seconda è la pulizia, la terza è la pulizia. Poi tutto il resto».

In verità ci sarebbe un’ulteriore e semplicissima regola: «meno tocchi e meglio è». Così in campagna si prova a lavorare con buon senso: pulizia meccanica del sottofila, solo rame e zolfo per i trattamenti fitosanitari.

Campo alla Cerqua 2016

La “cerqua” è la quercia che sta all’angolo del vigneto da cui provengono le uve per questo cru: circa un ettaro di superficie su terreni ciottolosi, più sciolti e leggeri degli altri appezzamenti aziendale, l’esposizione è a est, le viti sono state messe a dimora oltre vent’anni fa.

Piace perché: la “pulizia” sembra essere anche la cifra stilistica di questo rosso, vino Slow nell’edizione 2021, che mette in mostra un tannino solido, ma decisamente raffinato e ben estratto. Cosa non da poco, poi, i 15 gradi e mezzo di alcol dichiarati in etichetta non si sentono mica: un rosso di peso, che però non è mai goffo né compassato (ricordate la leggerezza dei 16 gradi alcolici dell’Aglianico del Taburno Ris. “Grave Mora” 2017 di Fontanavecchia!?), anzi sempre molto tonico.

Com’è fatto: macerazione sulle bucce per oltre un mese, poi 36 mesi di botte grande e 12 in bottiglia prima della commercializzazione.

Peso bottiglia: 430 grammi circa.

Un’altra bella boccia pescata nella mia Slow Wine Box.

Tabarrini
Frazione Turrita
06036 Montefalco (PG)
T +39 0742 379351
M info@tabarrini.com

Guarda anche qui:

  • Non ci sono articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.