sannioshire, stralci a tutto campo

Sempre a proposito di Falanghina del Sannio…

[aggiornamento] A questo link, i 4 vini sanniti premiati: tutti bianchi da uve falanghina.

È di questi giorni la notizia di un altro importante riconoscimento per i vini del Sannio, quello assegnato dalla guida del Gambero Rosso, per il miglior rapporto qualità/prezzo, alla Falanghina del Sannio “Svelato” 2014 di Terre Stregate* (leggi qui e qui). Non a caso, credo, ché la Falanghina del Sannio è il vino che (forse) meglio rappresenta oggi il #Sannioshire.

Così la guida curata da Marco Sabellico, Gianni Fabrizio, Eleonora Guerini, nella motivazione del premio speciale: «[…] si avvia a diventare un classico non solo del territorio ma dell’enologia campana. Ha un colore paglierino verdolino brillante, naso intenso e ricco che richiama la rosa, il frutto giallo, le spezie e la vaniglia. Al palato è ampia, prorompente e chiude lunga, fresca e vitale su suggestioni agrumate».

Falanghina photo 4613de2b.jpg

Bene ha fatto Libero Rillo, titolare di Fontanavecchia e presidente (dal giugno 2010) de Il Sannio Consorzio Tutela Vini, a sottolineare che «il premio vale doppio», essendo un riconoscimento anche per l’intera denominazione, oggi forte di una rinata considerazione sia da parte dei consumatori che della critica specializzata**.

Per la cronaca, sono 4 le aziende premiate con i 3 bicchieri nella guida 2016, ma non ho capito con quali vini esattamente (a parte Terre Stregate con la Falanghina del Sannio “Svelato” 2014). Conferme per Fontanavecchia La Guardiense, mentre la new-entry è Torre a Oriente.

* Dell’azienda di Guardia Sanframondi, ho assaggiato – proprio di recente – il vino premiato dal Gambero ed il Greco Sannio “Aurora” 2014: avevo preferito quest’ultimo, specialmente per le minori concessioni al dolce. Riproverò, ovviamente.

** Basti pensare che nelle ultime sei edizioni della guida del Gambero Rosso, in ben 3 (2010, 2011 e 2013) il Sannio era completamente assente nell’elenco dei vini premiati con i 3 bicchieri.

Guarda anche qui:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.