etichette dall'italia

Pillole di “Un mondo di pinot nero”

Piccole di degustazione da “Un mondo di pinot nero”, l’evento organizzato da GoWine e Consorzio di Tutela Vini Oltrepo’ Pavese, tenutosi a Milano lo scorso 27 maggio.
Un’altra ottima occasione per sperimentare nuovi assaggi…
CA’ DEL GE’ PINOT NERO O.P., metodo classico
Produzione di circa 10000 bottiglie, sboccatura a dicembre 2008 dopo 30 mesi, naso molto piacevole con sentori tipici ma anche balsamici, bella persistenza in bocca, penalizzato un attimino sul perlage. CANTINE FRANCESCO MONTAGNA PINOT NERO O.P. 2005, metodo classico (90% pinot nero, 10% chardonnay)
Degorgiato a fine marzo dopo 24 mesi, odori citrini ma piacevoli.
CANTINE SCUROPASSO
PINOT NERO O.P. 2003, metodo classico Produzione di circa 5000 bottiglie, pinot nero in purezza, sboccatura al bisogno dopo circa 40 mesi, bassa temperatura in macerazione con contatto leggero con le bucce, si distingue per un’ottima acidità, bella beva, buona persistenza e perlage, mallo di noce. PINOT NERO O.P. ROSE’
Ottima rispondenza gusto-olfattiva, marasca al naso e in bocca, buona persistenza di frutta rossa.

CA’ DI FRARA
PINOT NERO O.P., metodo classico Gran bel rosè, sia al naso che in bocca.
FATTORIA IL GAMBERO
PRINCIPE D’ONORE – PINOT NERO O.P. 2005, metodo classico (95% pinot nero, 5% chardonnay)
Produzione di circa 1000-1500 bottiglie, per 36 mesi sulle fecce, acidità 6,70 g/l, ingresso al naso suadente, mela e ananas.
MARCHESI DI MONTALTO PINOT NERO O.P. 2005, metodo classico
Grande piacevolezza, in bocca è avvolgente, pieno.
PICCHIONI Andrea
PINOT NERO 2007
Per 1 anno in barrique esauste, molta mora e frutti di bosco, bel naso, morbido e fine in bocca, gran bel prodotto.
PICCOLO BACCO DEI QUARONI
PINOT NERO 2005
Uve raccolte in stato di leggera surmaturazione, vinificazione in tini di legno e botte grande con affinamento per 15-18 mesi, persistenza finale di prugna e tabacco dolce. QUAQUARINI Francesco PINOT NERO O.P., metodo classico
Per 24 mesi in barrique e 12 mesi in bottiglia, frutta e vaniglia, in bocca speziato (tartufo, marasca sotto spirito).

VERDI BRUNO di Paolo PINOT NERO O.P. 2005, metodo classico
Produzione di circa 2200 bottiglie per via di un’annata calda, sboccatura a novembre 2008 dopo 30 mesi sui lieviti, gusto deciso, in particolare all’ingresso, odori tipici di crosta di pane, mallo di noce, speziato specie al naso, grande acidità (6,9 g/l, utilizzo di lieviti selezionati).

Guarda anche qui:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.