non di solo vino

Del Nottingham Forest e di un luogo sacro dove bere bene a Milano

Al Nottingham Forest ci misi piede per la prima volta pochi giorni dopo lo sbarco a Milano: tre anni e mezzo fa, per la cronaca. Fu (forse) una delle prime tappe del tour organizzato da un amico con-terroneo per farmi ambientare nella nuova città.

Rimasi affascinato dal locale, tanto piccolo quanto pieno zeppo di cianfrusaglie solo in apparenza disordinate, che sono poi -a quanto pare- i segni degli innumerevoli viaggi dei boss. Mi colpì, pure, l’atteggiamento schivo e un po’ severo dello staff, sempre pronto a riprenderti nel caso alzassi un pochettino la voce (cosa che -nel mio caso- s’è verificata assai spesso per via del popo’ di vocione che mi ritrovo). Un fare che soltanto col tempo ho ri-pensato e interpretato per quello che è veramente: un modo (l’unico, forse) per difendere la sacralità e la spiritualità di un luogo che è un tempio del bere bene.

locali milano,cocktail milano,nottingham forest,mentirita,cuba libre,cocktail,cocktail nottingham forest

Capisci così perché nel locale si entra solo c’è posto o perché l’atmosfera è così soffusa, luce fioca e poche lampade in rosso sul bancone. Il bancone, appunto: un altro pezzo sacro (aggiunto dopo i lavori di ristrutturazione del marzo 2009), un tempo appartenuto al Knickerbocker Hotel di New York «dove ai primi del ‘900 venne creato il Martini Cocktail. Sopra questo legno appoggiarono il bicchiere Caruso, Rockfeller, Mary Pickford, Charlie Chaplin e ora voi».

Trovare posto, dicevo, non è affatto semplice. A qualsiasi ora. La qualità dei cocktail, però, vale l’attesa a volte anche molto lunga, da consumare rigorosamente all’esterno (in caso di avverse condizioni climatiche, il consiglio è di trovare riparo davanti al portone del civico 1, di fianco al locale).

La carte è enorme. Così grande che ormai io faccio così: apro a casaccio la morbida copertina marrone dello spesso menù e scelgo tra le proposte descritte nelle due pagine che mi si aprono davanti. Dai classici ai più fantasiosi. Il kit per l’igiene orale, per dire: un tubetto (di dentifricio) contenente spuma di mojito (che mi spazzolo beatamente sui denti, nella foto sotto) e un altro cocktail (colluttorio) servito in un bicchiere a parte. Fino al mentirita -la versione originale del cuba libre, dicono- la piccola bugia di una Cuba che non è mai stata libera: rhum bianco, succo di limone e cocacola.

nottingham forest milano,nottingham forest,cocktail milano,stralci di vite,stralcidivite,kit per l'igiene orale,mojito

Un consiglio? Evitare di andarci con amici analcolici come è successo a me di recente. Ché la cosa è triste assai, credetemi 🙂

Nottingham Forest
viale Piave, 1 – 20129 Milano
(chiuso lunedi, martedì-sabato 18.30/02.00, domenica 18/01)

Guarda anche qui:

  • Non ci sono articoli correlati

(4) Commenti

  1. tocca fare un salto a Milano 🙂

  2. gran posto. Una volta che sono a Milano dobbiamo andare insieme e spararci il distillato alle formiche. ONLY THE BRAVE!

    1. Ci sto! 🙂
      E’ sempre lì sul banco. Non ricordo di averne mai visto diminuire la quantità nella bottiglia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.