stralci a tutto campo

L’affaire Cirò

Rilancio integralmente il comunicato stampa pubblicato nei giorni scorsi sul blog “In difesa dell’identità del vino Cirò” e l’appello rivolto “al Consorzio di Tutela perché fermi tutte le procedure in corso per le modifiche al disciplinare e apra un dialogo con tutti i soggetti coinvolti, per arrivare ad una soluzione condivisa“.
Le forze locali che hanno recentemente preso le difese del Cirò (quello ottenuto da uve gaglioppo in purezza o in uvaggio esclusivamente con varietà autoctone calabresi) denunciano la “frequente vinificazione di uve prodotte da vitigni diversi dal gaglioppo e dal greco bianco“, interpretando la proposta del Consorzio di allargamento della base ampelografica come una “sanatoria di evidenti situazioni di illegalità” ed esortandolo, quindi, a farsi carico dei suoi compiti istituzionali di tutela del vino Cirò DOC e del rispetto della legalità e – nel caso – ad “attivare attraverso gli organi preposti le procedure per il declassamento dei vigneti o per imporre un reinnesto sui vigneti illegali“.

Nella foto – tratta dal blog http://difesaciro.blogspot.com/ – l’acrolito di Apollo Aleo (clicca sull’immagine per ulteriori informazioni)

Guarda anche qui:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.