non di solo vino

Tu chiamala, se vuoi, (ciri)pizza.

E dire che non aveva cominciato poi tanto male, Ciripizza.

Quando ne lessi qui, sulla pagina milanese del Corriere, pensai che un salto si poteva fare. Dopotutto, era a due passi da casa e ci potevo andare anche a piedi, evitando così ogni noia per il parcheggio (ché trovarlo tra via Canonica, via Paolo Sarpi e strade limitrofe è roba assai complicata).

Mi ci fiondai alla prima occasione utile. Il risultato fu di moderata e speranzosa soddisfazione. Ci tornerò, dissi. E così ho fatto una, due volte. L’ultima, qualche giorno fa.

iripizza,ciripizza milano,pizzerie milano

Ambiente molto informale: arredamento moderno e essenziale, bello il forno a legna tappezzato di piastrelle colorate che ti si apre davanti non appena varchi l’ingresso. Menù a tutta pizza con l’invito a “non chiedere modifiche alle pizze”. Una carta dei vini con poche etichette ma ben assortita che alterna proposte più scontate a qualche scommessa, restando in Campania e con prezzi assolutamente ragionevoli. L’ha curata Luciano Pignataro: per l’amico Cosimo, c’è scritto (ma io Cosimo non so chi sia).

ciripizza,ciripizza milano,pizzerie milano

Pizza tradizionale campana artigianale, dice il biglietto che accompagna il conto. Pizzeria che si dichiara impegnata a difendere il metodo originale campano sulla base dell’assunto «tutti noi operatori, produttori, consumatori, abbiamo il dovere di difendere i prodotti tipici italiani, nel rispetto delle origini».

regina margherita,ciripizza,ciripizza milano,pizzerie milano

C’è qualcosa che non va, però. Pizza piatta sottile, priva – per di più – dell’indispensabile cornicione.

Giudicate voi. Io dico solo, peccato.

Guarda anche qui:

(10) Commenti

  1. Quella pizza è fatta così, pensavo lo sapessi

    1. Così come?
      Lascia perdere discorsi sulle varie scuole di pensiero, la napoletana e la tramontina: dimmi com’è, stop. 🙂
      Personalmente, trovo ci sia stata un’involuzione.

  2. Bando alle ciance, è sempre così, intendo bassa.
    Semmai il problema sta nel crescente successo milanese che ti obbliga ad un’attenta scelta dell’orario e del giorno.
    Poi tutto il resto è pura noia 😉

    1. Sul “crescente successo milanese”, come lo chiami tu, non ci piove: c’è sempre folla ed è effettivamente necessario “studiare” giorno e orario per andarci!

      Il punto è che io non sono milanese. 😉

  3. La tua però, sembra addirittura bruciata, io l’avrei rimandata indietro

  4. paolo dice:

    è campana,quindi non napoletana 😉 per dire,loro sono di battipaglia,la catena è presente a salerno e battipaglia, e hanno altra cultura culinaria rispetto a noi napoletani.
    esempio la completa mancanza di frittura,cosa INDISPENSABILE negli antipasti delle pizzerie di napoli e provincia.
    cmq fanno anche la pizza più alta,basta chiedere,pasta media o doppia. magari è un’opzione che hanno lasciato cadere se la clientela, appunto “milanese”, non la chiedeva. resta cmq un’ottima pizza per Milano (altra cosa sono quelle al trancio vedi “da giuliano”), e hanno la vera chicca della pizza “sasicce e friarielli”.

    1. Grazie del tuo contributo.

      Io la chiamo proprio così: milanesizzazione della pizza… 🙂

      Che poi sta’ cosa che uno deve chiedere l’impasto basso, medio o alto (che per inciso non è fattibile per tutte le pizze, che io ricordi) è una cosa che mi è antipatica!

      Per il resto, concordo: dei fritti non si può proprio fare a meno! O forse sì 😉

  5. Vorrei chiarire una cosa:loro la pizza l’hanno sempre fatta soltanto così. Poi per accontentare tutti prevedono anche l’impasto medio o doppio. Ma non è più Ciripizza.

  6. la pizza del ciripizza e la migliore voi siete solo stupidi se non comprendete la sua bonta’

    1. #selodicitu [ah, grazie del passaggio] 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.