etichette dall'italia

Asolo Prosecco Colfòndo, Bele Casel

Il sottoscritto prosecco mi piace. E pure assai. Di Asolo, intanto. Che è la nuova denominazione adottata con la DOCG al posto di quella che parlava del Montello e dei Colli Asolani, colline a sud di Valdobbiadene.
Mi piace perché é diverso, austero e metallico.

Diverso. Sia chiaro, tra virgolette; diverso da quello che fin ora è stato per me il prosecco. Ignorante come non potrò mai fare a meno di essere non avrei manco immaginato potesse esistere un’intepretazione così, con i lieviti naturali a innescare la rifermentazione in bottiglia, caratterizzando così un prodotto che poco ha a che vedere con quello della Valdobbiadene. Lieviti sul fondo, sur lies o più semplicemente colfòndo; rifermentazione naturale in bottiglia invece che quella solita in autoclave.

Austero. L’ho detto: ha poco dei prosecco che ho conosciuto. Parlo del colore, giallo torbidino e poco lucente, accattivante e misterioso, non esattamente definibile nelle sue sfumature. Parlo della spuma, più copiosa e persistente. Parlo del gusto, secco, deciso, nient’affatto banale. Duro e appagante, con il palato chiamato a fare in fretta il suo dovere onde non poter godere appieno delle belle sfumature agrumate e dell’ammandorlato in chiusura.

Metallico. Ferroso, direi. Sensazione forse accentuata dal dosaggio zero. Bontà anche di un terroir caratterizzato da una massiccia composizione argillosa.
Per questo mi piace il col-fòndo. O meglio col-fòndo-bucato, perché a me la bottiglia è andata via in un battibaleno, quasi senza che me ne accorgessi. E non chiedetemi quanti eurini bisogna sborsare perchè vi risponderei ‘esattamente una bottiglia‘.
Tanto è costata davvero a me: potenza del #barattowineday (ne ho parlato qui).

Guarda anche qui:

(3) Commenti

  1. Luca Ferraro dice:

    Uh che post fantastico, felice ti sia piaciuto così tanto da scolarne una boccia così velocemente.
    Non ti preoccupare,è normale, questo vino è nato proprio per quello, per essere bevuto senza tante paranoie ma solo per il piacere di farlo.
    Grazie.
    Luca

  2. Alessandro Marra dice:

    Grazie a te! Al collo della bottiglia (che mi guardava insistentemente dal tavolo del baratto) era appeso il tuo bigliettino… 😀

  3. […] viene da sorridere nel rileggere quello che scrissi di quella boccia, così “diversa” per il mio palato di allora, così “nelle mie […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.