Il Ratafia de Champagne di Chevreux-Bournazel

Metto subito le mani avanti e dico che di Ratafia de Champagne* se ne sono visti pochini a casa mia, benché il sottoscritto – che ha un debole per i dolci al cioccolato [ma dai!?] 😀 – apprezzi e non poco i vini liquorosi e fortificati in genere. Recentemente mi sono imbattuto in quello – bellissimo – […]

Le Rouchefer 2014, Agnès e René Mosse

I nomi di Agnès e René Mosse erano per me sconosciuti quanto i loro vini. Ma da queste parti si rincorre continuamente la scoperta ed è stato bello affondare il naso nel bicchiere, per ritrovarsi, un attimo dopo, a Saint Lambert du Lattay. Le Rouchefer rappresenta (probabilmente soltanto) per il sottoscritto una vera e propria rivelazione. Questo 2014 lo è (forse) un po’ anche per […]

Gli Champagne di Charles Dufour

Il mio francese funziona male male male (cit.), perciò ho probabilmente capito pochissimo di quello che Charles Dufour ha raccontato dei suoi Champagne, a Roma, una decina di giorni fa. Mi sovviene in aiuto il sito internet del distributore italiano, da cui traggo conferma del fatto che dopo alcuni anni di impegno nell’azienda di famiglia (convertita al biologico […]

Champagne La Parcelle, Chevreux-Bournazel

Chevreux-Bournazel è un nome completamente nuovo per il sottoscritto e lo Champagne La Parcelle di questo giovanissimo domaine, condotto secondo i crismi della biodinamica in quel di Connigis, è declinato in due etichette ottenute da sole uve pinot meunier, ma con differente dosaggio (un dosage zéro e un extra-brut da 4 g/l). La produzione è più che confidenziale. Cioè, ragazzi, nel caso della prima […]

keep looking »