Pubblicato il 20 Febbraio 2012 | 3 Commenti

Quando penso a Fulvio Bressan, prima ancora che ai suoi vini, mi vengono irrimediabilmente in mente due cose.

Uno. Che il buon Alessandro Morichetti c’aveva preso: il Fulvione nazionale è una «controfigura mancata dell’A-Team». Un po’ Hannibal (per il sigaro) e un po’ P. E. Baracus (per la stazza), per dire. Guardate qui e ve ne convincerete anche voi. 😉

Due. Che tra le tante cose serie dette in questo video di Andrea Petrini, la frase «io non sono un abitante del Collio» mi fa ancora schiattare dal ridere. 🙂

Pignol 1984, Bressan, Uploaded from the Photobucket iPhone App

Se poi penso ai vini – il verduzzo secco, lo schioppettino – comincia a salivarmi tutto…;) Poi, improvvisamente, il Pignol 1984. Nessuna etichetta (solo nome e annata scritte in bianco sul vetro) e la capsula di un giallino sbiadito con la scritta – così romantica – Bressan sig. Nereo (che poi è il papà di Fulvio).

La nota animale iniziale apre, ben presto, al sanguigno e al terroso, con i profumi di gelso nero e frutta rossa scura che testimoniano – come del resto il colore – un’inaspettata integrità; poi, cioccolato, caffé e un profumo di torrefazione. La freschezza a segnare una bevuta cangiante e di grande soddisfazione.

Non il vino della vita, ecco. Ma uno di quei vini che si fa presto a finire.

Guarda anche qui:

Commenti

3 Responses to “Fulvio Bressan e il Pignol 1984”

  1. Dan Lerner (@Dan_Lerner)
    Febbraio 20th, 2012 @ 09:56

    Oh, cambia il tempo del verbo! Bressan sig. Nereo E’ il papà di Fulvio…

  2. Alessandro Marra
    Febbraio 20th, 2012 @ 10:02

    Uuuhh. Faccio subito. 😉

  3. simona
    Maggio 9th, 2012 @ 09:33

    …onestamente…scrivere “nota animale” dà adito a ben altre percezioni in un vino…

Lascia un commento