Pubblicato il 5 Febbraio 2013 | Nessun Commento

Se penso a Raffaele Troisi mi viene in mente la mia ultima visita in cantina. Era fine maggio del 2010: ci si preparava al debutto con le #Degustazioni dal Basso e girai pure questo video che – a pensarci bene – non ho nemmeno più messo in rete.

Difficile dimenticare – tra le altre cose – lo spettacoloso Greco di Tufo 2002 stappato ta-ttà*: vero e proprio sollievo per il palato, impegnato – si fa per dire 😉 – ad assaporare una batteria di formaggi deliziosi (tra questi, un super Castelmagno d’alpeggio).

 photo 4578D0B9-F4DD-4E34-8EDE-71EFB3C864D7-1744-0000013A44D96865_zps4edbc27c.jpg

Scegliemmo al termine di quella giornata il vino da presentare alle #ddb, quel Fiano di Avellino 2003 che si rivelò millesimo memorabile, e non solo perché ancora imbottigliato con la DOC (il riconoscimento della garantita era fresco fresco) e nell’alsaziana (poi abbandonata). Che vino!

A distanza di più di due anni, mentre tracanno avidamente il giovanissimo Fiano di Avellino 2011, mi viene da dire che Raffaele non sbaglia un colpo: in questo calice c’è tutto e anche di più. Lasciando perdere l’etichetta (per la quale non ho mai nascosto venerabile ammirazione per la capacità di sintetizzare fedelmente, a parole, il territorio), mi soffermerei sul vino e sul suo essere verticale e affilato, come piace a me, pur non mancandogli corpo e polpa, con l’alcol – 13 gradi non sono mica pochi, eh 😉 – che è funzionale a reggere la spinta del sale e dell’acidità, una forza travolgente che percorre tutto il sorso. Azzardare un “siamo solo agli inizi”, senza voler cadere in banalità, è tutt’altro che esercizio di innate doti profetiche. 😀

 photo 09E70FD9-CC17-498A-B10A-A3C82078D3B6-1744-000001423AEF93D6_zps08dd18bf.jpg

Ah, sì. I profumi. Eccovi un elenco sparso di sensazioni, più o meno sussurrate: la frutta a polpa bianchi, i fiori, la nocciola appena accennata, il miele d’acacia, il citrino sul finale e l’anice, o forse no, mi sbaglio, il finocchietto.

In pratica, tutti i profumi e i sapori dell’Irpinia e della collina di Montefredane, vero e proprio paradiso per gli amanti di questo grande vino.

Vadiaperti
contrada Vadiaperti
83040 Montefredane (AV)
tel. +39 0825 607270
mail info@vadiaperti.it

* dalle mie parti: alla buona, al volo.

Guarda anche qui:

Commenti

Lascia un commento