Pubblicato il 15 giugno 2016 | 1 Commento

Il mio francese funziona male male male (cit.), perciò ho probabilmente capito pochissimo di quello che Charles Dufour ha raccontato dei suoi Champagne, a Roma, una decina di giorni fa.

Mi sovviene in aiuto il sito internet del distributore italiano, da cui traggo conferma del fatto che dopo alcuni anni di impegno nell’azienda di famiglia (convertita al biologico nel 2006), il giovane Charles Dufour da Landreville, classe 1982, ha iniziato la sua avventura da “solista” nel 2010, iniziando a vendere i suoi Champagne con il brand omonimo e quello di Bulles de Comptoir, letteralmente “bolle da banco”.

Charles è un gran personaggio. Prima di degustare i suoi Champagne abbiamo bevuto insieme l’ottimo Champagne La Parcelle non dosato di Chevreux-Bournazel. (base 2012, che lui – se non ho capito male – non ha prodotto). Nella regione dell’Aube, cosa niente affatto scontata, produce non uno, bensì due, blanc de blancs, uno da sole uve chardonnay e l’altro da pinot blanc.

Charles Dufour

Ed è proprio quest’ultimo, lo Champagne che ho preferito nella carrellata di assaggi, ancor più del #3 nouveau souffle (da magnum, sboccatura 14 ottobre 2014), che forse nemmeno Charles si aspettava così in forma e del #4 Vinorama, più volte incrociato di recente, entrambi commercializzati come Champagne Bulles de Comptoir.

Lo Champagne Brut Nature Blanc de Blancs “Le Champ du Clos” – che prende il nome dall’omonimo lieu-dit situato nel villaggio di Celles-sur-Ource è quello che si dice un vino di sostanza, ma al tempo stesso di gran classe. Naso inizialmente più duro, con la nota smaltata in primo piano, che si apre poi sul floreale, prima ancora che sulla frutta a pasta bianca, sul mallo di noce. Il dégorgement è molto recente, quindi mi aspetto cose ancora migliori da qui a venire.

Solo 1500 bottiglie per un prezzo medio di circa 60 europei.

Champagne Charles Dufour e Champagne Bulles de Comptoir
6 rue de la Croix Malot – 10110 Landreville
contact@bullesdecomptoir.fr

Guarda anche qui:

Commenti

One Response to “Gli Champagne di Charles Dufour”

  1. Alfredo dufour
    dicembre 23rd, 2016 @ 13:26

    I miei antenati sono scappati con la rivoluzione francese . Un fratello del mio quadrisavolo si chiamava charles ed un altro Melchiorres..
    Ti risultano nei tuoi antenati?
    Il mio antenato si chiamava Laurent Dufour. Ciao.Alfredo.

Lascia un commento