Pubblicato il 14 Novembre 2016 | Nessun Commento

Me la ricordo bene questa bottiglia di Capitel Monte Olmi. La comprai qualche anno fa, al termine della visita all’azienda della famiglia Tedeschi, nel cuore della Valpolicella  “classica”. Da allora, è rimasta coricata nella cantina di mia nonna, che è il posto delle bottiglie che penso (e spero) di conservare a lungo.

Il Capitel Monte Olmi è oggi la “riserva” di Amarone dell’azienda di Pedemonte di Valpolicella. L’etichetta è più o meno la stessa, ma nel bollino sul collo della bottiglia non c’è più l’indicazione dell’annata – nel caso specifico, 2004 – bensì il logo dell’associazione Famiglie dell’Amarone d’Arte.

Amarone della Valpolicella, Tedeschi

Un paio di settimane fa ho tirato il collo all’unica boccia che avevo, immaginando che un caro amico l’avrebbe apprezzata. E così, in effetti, è stato. È piaciuta anche ad alcuni altri commensali, ben disposti (forse) dall’essere l’Amarone ormai uno status symbol* o magari dal fascino di una vecchia bottiglia strappata al buio della cantina ancora impolverata.

Ecco, io non posso dire mi sia piaciuta. Al netto di una relazione complicata con la tipologia, con qualche eccezione**, tornassi indietro investirei diversamente la trentina d’euro -o giù di lì- che mi servirono per comprare questa bottiglia (tanto decantata quel giorno).

Pur complesso ed elegante al naso, m’è parso, di contro, un vino quasi caricaturale in bocca, appesantito da un residuo zuccherino credo importante e pure un po’ dall’alcol (16 gradi). Mi si dirà “perfettamente rispondente a un’idea di vino che oggi non è più”, ma la scintilla, nel mio caso, non è scoccata soprattutto per il suo essere “poco gastronomico”.

Che poi è questo il motivo principale per cui – non me ne voglia nessuno, manco Trump e Briatore 😉 – nella mia cantina ci sono sempre pochi, pochissimi Amarone della Valpolicella.

Agricola F.lli Tedeschi S.r.l.
Via G. Verdi, 4/A – 37029 Pedemonte di Valpolicella (VR)
Tel. +39 045 7701487
Fax +39 045 7704239
info@tedeschiwines.com

* non a caso Briatore ha regalato 3 magnum di Amarone della Valpolicella al neo Presidente degli Stati Uniti d’America.

** ricordo una bellissima verticale dell’Amarone della Valpolicella Monte Sant’Urbano di Speri, per dire.

Guarda anche qui:

Commenti

Lascia un commento