Pubblicato il 16 maggio 2017 | Nessun Commento

Il 2016 è stato l’anno dei record per gli spumanti made in Italy, che – trainati dal brand Prosecco – hanno fatto registrare un +25% di export, superando il miliardo di euro.

A proposito di bollicine, ecco un paio di segnalazioni dal fronte italiano, se permettete, dopo una serata trascorsa in compagnia di Massimiliano Croci a parlare di spumanti e frizzanti. 

Vini spumanti italiani

La prima è una conferma che arriva dalla via Emilia. Il Lubigo “sur lie” 2014 di Croci è un ortrugo vinificato sulle bucce e rifermentato spontaneamente in bottiglia. Ha colore giallo oro e profumi intensi di fieno e cereali che si affacciano tra la frutta e i sentori vegetali. Il sorso ha grande naturalezza espressiva e spiccata vocazione gastronomica.

La seconda è il Vinudilice de I Vigneri. Pregevole per perlage e finezza, quello di Salvo Foti è un metodo classico rosè, millesimo 2014, ottenuto con alicantegrecanicominnella e altre varietà minori di un vigneto posto sull’Etna, a circa 1300 metri di altitudine, a ridosso del “bosco dei lecci“. Sorprendentemente (almeno per me, s’intende) buono.

Guarda anche qui:

Commenti

Lascia un commento