Pubblicato il 11 Ottobre 2010 | 3 Commenti

Emozionante.

E potrei anche fermarmi qui se solo non fosse così maledettamente bello ripensare a quel nebiolo e al batticuore del prima-durante-dopo l’assaggio.

Potrei dirvi della complessità dei profumi: la prugna quasi acerba, la buccia della mela rossa e il melograno. Oppure ancora la radice di liquirizia, i fiori secchi, la rosa, la nocciola e la castagna, l’eucalipto e i datteri.
E tante parole potrei spendere per parlarvi del sorso, fatto ad immagine e somiglianza della langa, dei suoi sapori e dei suoi profumi, tremendamente fresco dopo dieci e passa anni e assolutamente integro anche quando riprendi il calice mezzo vuoto più o meno dodici ore dopo. Ricco e succoso, con il frutto giovine e croccante.
Ma ancor prima dovrei forse raccontarvi la beltà dell’incantevole colore più rubino che granato, intenso e lucente, profondo e allo stesso tempo trasparente.

Barolo Brunate – Le Coste 1997, Giuseppe Rinaldi

Basterebbe, invece, ricordarne l’eleganza, composta e mai ostentata, che disarma per naturalezza. Eleganza. Che quasi penseresti di averla utilizzata troppo spesso, quella parolina, e di esserti lasciato sfuggire il senso.

Io e questo barolo di Giuseppe Rinaldi: come essere davanti a una bella donna cui il tempo trascorso ha disegnato qualche ruga sul viso pur non intaccando l’animo ancora ardente e lo sguardo intrepido, sognante per gli anni, i tanti anni che ancora verranno.

Guarda anche qui:

Commenti

3 Responses to “Barolo Brunate-Le Coste 1997, Giuseppe Rinaldi”

  1. Massimo D'Alma
    Ottobre 11th, 2010 @ 13:18

    questa è roba seria, però 😉

  2. Alessandro Marra
    Ottobre 11th, 2010 @ 14:05

    Molto seria, molto. 😉

  3. Alessandro Marra
    Ottobre 11th, 2010 @ 14:06

    Molto seria, molto. 😉

Lascia un commento