Pubblicato il 4 febbraio 2016 | Nessun Commento

Dopo l’immeritata sconfitta casalinga contro il Cagliari degli ex Pisacane (in campo) e Rastelli (in panca), i ragazzi di Tesser affronteranno sabato l’impegnativa trasferta di Novara, contro gli azzurri allenati da mister Baroni. Saranno della partita, con ogni probabilità, anche gli ex biancoverdi Felicione Evacuo e Andrej Galabinov, quest’ultimo più volte accostato ai Lupi nelle ultime due sessioni di calciomercato.

Il mercato, appunto. Molto attivo* l’Avellino, che piazza, in extremis, il colpo Francesco Pisano, svincolatosi dal Bolton (squadra della Championship inglese, dove, in pratica, non ha quasi mai giocato quest’anno), di fatto colmando anche la lacuna sull’out mancino di difesa.

Quella di Novara è stata trasferta abbordabilissima per il sottoscritto, quando ancora frequentava i gradoni con i Lupi del Nord. La vicinanza a Milano permetteva anche una sosta enogastronomica, ché il territorio non è magari conosciutissimo ma assolutamente pieno zeppo di cose buone da bere** e da mangiare.

 photo 0E721DA1-796F-4D74-A69B-1C92C17ACB79_zpsru1qkwsz.jpg

Per dire, l’ultima volta, due anni fa, durante il pranzo a La Locanda delle Due suocere (leggi qui), prima della partita (peraltro chiusa con un’amara sconfitta, dopo il gol del momentaneo vantaggio proprio di Galabinov), provai l’ottimo Barton 2008 di Boniperti Vignaioli, che all’epoca era un nebbiolo delle Colline Novaresi e che, invece, leggo oggi essere un uvaggio di nebbiolo e vespolina (70%-30%), etichettato come Fara Doc.

Ho sempre rimandato il riassaggio dei vini, pensando che avrei presto potuto fare visita in azienda, data la distanza tutt’altro che proibitiva da Milano, ma non c’è più stata occasione, dato che nel frattempo mi sono trasferito a Roma.

Ecco, doveste avere tempo voi, fateci un salto! 😉

Az. Agricola Gilberto Boniperti
Via Vittorio Emanuele, 43 – 28010 Barengo (NO)
Tel. +39 347 0302469
email: info@bonipertivignaioli.com

* Migliorini e Pucino per la difesa, Paghera e Sbaffo a centrocampo, Joao Silva per l’attacco.

** La provincia novarese è sempre più apprezzata per i suoi vini, specialmente rossi. Su tutti, il Boca e il Ghemme.

Pubblicato il 29 gennaio 2016 | Nessun Commento

Sono tornato al Kresios a metà ottobre, nei giorni immediatamente dopo la triste alluvione del “mio” Sannio. Ci mancavo da tantissimo: Giuseppe Iannotti era ancora nella “vecchia casa” di Castelvenere, in pratica (più di) una stella Michelin fa.

È andata benone. La cucina – raffinata e di grande ricerca – non perde mai di vista il divertissement. Come quando è lo stesso Giuseppe a filare svelto in sala, per posizionarsi giusto alle spalle dell’ospite di turno e imboccarlo con un cucchiaio prelibato. Valgono il viaggio, poi, gli appetizers, su tutti il pop-corn di animelle [cioè, volete dirmi che ancora nessuno ha mai pensato ad un bicchierone formato cinema?]😀 ma il mio piatto è “A tutto sgombro“, e non soltanto perché amo il pesce azzurro. La marinatura è perfetta, le chips – ottenute dalle lische e dalla testa (che ri-diventa commestibile, anche se poi lo sarebbe già) – sono fantastiche. Pollice in su.

 photo 85A8944E-25D9-45CC-A773-7EA6E485C825_zpskziewocg.jpg

Un bravò lo meritano anche i ragazzi in sala e, in particolare, il giovanissimo Alfredo Buonanno. Gli ho lasciato, ovviamente, carta bianca per il vino e lui se n’è uscito con un bel tris di abbinamenti. Bollicine made in Franciacorta – l’ottimo Brut di Castelveder (leggi qui) – per cominciare; in chiusura, un rosso decisamente più mainstream – Il Bruciato 2004 di Marchesi Antinori (leggi qui) – che ha fatto un figurone.

La sorpresa è stato il bianco da uve Fiano, allevate in un terroir che lo conosce ben poco. Il Fiano “Milo” 2006 di Fattorie Selvanova (leggi qui) era perfettamente integro, al naso e al palato, ben definito nei profumi, spiccatamente minerale e con un buon ritmo in bocca. Un gran bere, a prezzo -credo- contenuto.

Poi, l’apoteosi: subito dopo aver strabuzzato gli occhi mentre lo vedevo aprire quella bottiglia per il tavolo di fianco al mio, mentre ripetevo a voce bassa e con voce incredula oh, il 1998 di Antoine*, Alfredo mi si è avvicinato e mi ha detto: «sì, proprio quella. Ora te la faccio provare». Top. 😀

Kresios
via San Giovanni, 59 – Telese Terme (BN)
tel. +39 0824 940723
info@kresios.it

* il “Vigna della Congregazione” Vino da Tavola 1998 di Villa Diamante.

[credits @kresios]

Continua a cercare »
  • in onda qualche giorno fa

  • ultimi commenti

  • Tag